Guida alla rimozione dello spam dai referrer e del traffico falso in Google Analytics

La maggior parte degli operatori di marketing online e dei proprietari di siti Web utilizza Google Analytics per monitorare i visitatori, il tempo sul sito, le visite alle pagine e il modo in cui gli utenti interagiscono con il sito (invio di moduli, riproduzioni video, iscrizione alla newsletter, monitoraggio dell’e-commerce).

Nel 2015 molti webmaster hanno iniziato a notare traffico di referral sospetto sui loro dashboard che proveniva da un gruppo di domini che offrivano servizi non etici o reindirizzava gli utenti a siti web affiliati. Spammer e SEO black-hat hanno utilizzato questo metodo per aggiungere il proprio dominio alle analisi e ai report. A questo punto sorge spontanea la domanda: “Perché ci sono 100 visite da lifehacĸer.com?”.

Presto ti renderai conto di essere stato ingannato e le tue metriche su Google Anlytics sono state incasinate, il tempo medio sul sito, le visite alle pagine, il tasso di conversione e altre statistiche ora mostreranno dati imprecisi a causa di 100 visite con 0 secondi di tempo sul sito e 1 pagina visitata.

Quanto è grande il problema?

Bello grosso. Alcuni webmaster riferiscono che il traffico di riferimento falso può essere responsabile del 50% del traffico complessivo, il che significa che può rendere inutili i test A / B, l’ottimizzazione delle conversioni e altre campagne di marketing se ti affidi ai dati di Analytics per prendere decisioni.

Anche se rimuovi l’evidente traffico falso, gli spammer oggigiorno stanno falsificando siti web reali come reddit.com e twitter.com, addons.mozilla.org e altri. Stanno diventando più intelligenti aggiungendo metriche reali ai domini dei referrer: 2 minuti sul sito e 4 pagine per sessione, buona fortuna a capire se è reale o meno (non è reale).

C’è un modo per rimuovere il traffico falso generato da siti Web legittimi con gli UTM e il tracciamento dell’ID, ma richiederà sempre lavoro aggiuntivo ed è necessario controllare regolarmente le analisi. I principali autori di reato nello spam dei referrer sono:

  • motherboard.vice.com
  • lifehacĸer.com
  • site-auditor.online
  • addons.mozilla.org
  • website-analytics.online
  • monetizationking.net
  • twitter.com
  • stumbleupon.com
  • addons.mozilla.org
  • thenextweb.com
  • speedup-my.site
  • reddit.com
  • top1-seo-service.com
  • keywords-monitoring-your-success.com
  • fix-website-errors.com
  • law-enforcement-bot-dd.xyz
  • free-social-buttons5.xyz
  • slow-website.xyz

anche questi sono stati segnalati da alcuni webmaster:

  • social-buttons-aa.xyz / referral
  • boltalko.xyz / referral
  • free-video-tool.com / referral
  • scanner-jess.top / referral
  • buketeg.xyz / referral
  • scanner-jane.top / referral
  • begalka.xyz / referral
  • bezlimitko.xyz / referral
  • bukleteg.xyz / referral
  • arendovalka.xyz / referral
  • compliance-don.top / referral
  • scanner-fred.top / referral
  • scanner-john.top / referral
  • scanner-mary.top / referral
  • scanner-irvin.top / referral
  • scanner-walter.top / referral
  • abcdefh.xyz / referral

Quando vedi il traffico di referral da questo particolare dominio in Analytics, c’è una certezza del 99% che si tratti di traffico falso. Non provare a visitare i siti, a meno che tu non abbia un browser aggiornato e un software antivirus.

Come lo fanno gli spammer?

Ogni operatore di marketing / proprietario di un sito web crede che una volta che qualcuno visita il tuo sito web, una sessione viene registrata su Google Analytics. Google Analytics utilizza il browser del client per eseguire un’istruzione JavaScript che inoltra una richiesta HTTP ai server di Google Analytics.

Questo segna un successo sul sito web e un cookie viene impostato nel browser degli utenti. Ricorda, qualsiasi dispositivo in grado di connettersi a Internet può inviare una richiesta HTTP. Qui è dove sta il difetto. Finché può soddisfare i requisiti richiesti, andrà giù come un hit su Google Analytics.

Tempo fa Google ha menzionato il protocollo di misurazione che fornisce questa interfaccia in cui i server possono interagire direttamente con Google Analytics senza passare per i vecchi intermediari. Per quanto questa capacità fosse realizzabile prima, non era stata documentata. La loro intenzione principale era quella di dare a diverse aziende la capacità di connettere i loro sistemi a Google Analytics e raccogliere i dati che accompagnano questi dati mentre sono offline.

Questo può essere fatto anche dai navigatori del web. Alcuni dei sistemi che operano su questo protocollo sono sistemi POS, soluzioni di monitoraggio del telefono, sistemi CRM e soluzioni di monitoraggio del telefono.

Durante l’intero processo non è possibile autenticarlo, poiché chiunque abbia accesso a Internet può inviare hit al tuo sito web. Finché hanno informazioni sul tuo UA-ID, sono tutti impostati. Gli spammer lo usano molto per corrompere i dati delle persone.

Gli spammer possono falsificare tutto ciò che riguarda queste interazioni. Ciò include il nome host, i dati del referrer di accompagnamento, i dati di monitoraggio della campagna e molto altro. Sono sicuro che ormai hai un’idea chiara di tutto ciò che è comportato durante il protocollo di misurazione.

Quando dai un’occhiata al forum di assistenza di Google Analytics, noti molti reclami sullo spam dei referrer. Molti webmaster in tutto il mondo si chiedono come meglio possono mettere una toppa a questo problema. Gli esperti di marketing che ne sono direttamente interessati sono irritati dai rapporti falsi e distorti in cui i loro dati risultano essere falsificati e quindi irrilevanti. Purtroppo, lo spam web sembra un problema che è qui per rimanere indipendentemente da quale aspetto assume. Esistono alcune misure che cercano di prevenire, ridurre al minimo o impedire che interferiscano con la tua segnalazione.

Metodi comunemente proposti che non risolvono lo spam dei referrer

Ora abbiamo un’idea chiara di come si verifica lo spam dei referrer, quindi possiamo esaminare brevemente alcuni dei migliori suggerimenti proposti su diversi forum e blog su come risolverli. Spiegherò ulteriormente perché non funzionano.

  • Utilizzando la parola chiave “Referrer” per condurre un filtro di Google Analytics in modo da poter bloccare il traffico da alcuni di questi referrer. In questo modo stai solo impostando il campo sorgente della campagna e non il campo referrer, in base a quell’argomento da solo, non funzionerà.
  • Esegui una revisione del filtro di Google Analytics che accetta solo il traffico proveniente dal tuo nome host. Ciò non avrà successo in quanto possono facilmente impostare il nome host in modo che assomigli al tuo. Gli spammer possono facilmente falsificare un nome host.
  • Si consiglia a coloro che utilizzano Universal Analytics di escludere il traffico proveniente da un “Elenco di esclusione referrer”. L’esclusione del referrer non sarà in grado di farlo poiché impedisce alla sorgente di iniziare un’altra sessione quando quella corrente è attiva.
  • I monitoraggi del traffico del server o i tentativi di bloccare il traffico a livello di server non funzioneranno in quanto vengono effettuate a malapena interazioni tra i rispettivi server per la generazione dello spam.
  • Utilizza la funzione di filtro dei bot di Google Analytics. Quando viene messo alla prova, non funziona in quanto non è stato creato per gestire tali problemi in primo luogo.
  • Blocca intere aree geografiche che provocano tali referrer di spam. Questa sembra una misura audace, purtroppo non funzionerà. L’argomento si basa sul fatto che i dati geografici possono essere danneggiati tramite il protocollo di misurazione.
  • La maggior parte degli spammer falsificano le visite alla tua home page. Questa curiosità potrebbe richiedere alcune modifiche legittime richieste alla loro home page a un URL diverso durante l’utilizzo di semplici personalizzazioni JavaScript di Google Analytics. Innanzitutto, questo potrebbe comportare molti inconvenienti per un analista di Google. Inoltre, un bot può inviare facilmente dati a un altro URL.

Una soluzione funzionante

A partire da ora il modo migliore per applicare filtri a livello di visualizzatore è quello di escludere lo spam dei referrer e i filtri di segnalazione tra gli altri segmenti avanzati. Questo può aiutare a bloccare la maggior parte degli spammer ostinati. È inoltre possibile creare una dimensione personalizzata utilizzando la stessa espressione. Una volta individuato un nuovo dominio spam del referrer, aggiungi immediatamente una linea verticale (ASCII 124) seguita dal nome del dominio. Puoi sfuggire ai punti aggiungendo un backslash (ASCII 92) subito prima di loro.

Nella misura in cui questa soluzione sembra praticabile, ricorda che non è un rimedio permanente in quanto può essere molto estenuante. Ricorda che gli spammer possono registrare molti domini più velocemente di quanto tu possa continuare a inviarli al tuo filtro regex. Vale la pena notare che uno spammer impiega circa un’ora per configurare un nuovo dominio e svolgere la sua attività di spamming. D’altra parte ci vogliono centinaia o addirittura migliaia di specialisti di marketing per controllare in modo completo le statistiche in modo da individuare il traffico dannoso e aggiornare i loro filtri di conseguenza. Ecco perché questa strategia è considerata una soluzione a breve termine.

Attualmente, se gestisci più di un account Google Analytic, ti consigliamo vivamente di controllare lo strumento di monitoraggio dei problemi completamente automatizzato di Google noto come strumento Filtri antispam automatici. Non solo protegge il tuo sito dalla ricezione di spam dai referrer, ma mantiene anche il traffico fantasma. I suoi filtri sono sottoposti a continui aggiornamenti per proteggerlo dai nuovi spammer che si presentano.

Altra soluzione

La situazione dello spam dei referrer di Internet continua a peggiorare ogni giorno che passa. Sfortunatamente, Google non è stata in grado di trovare una soluzione chiara su come affrontare questo problema una volta per tutte. Gli utenti del Web non hanno altra scelta che attuare le proprie soluzioni. Un modo per risolvere questo problema è distribuire un filtro aggiuntivo agli account dei clienti per bloccare l’ingresso di nuovo spam. Il filtro è quello che accetta il traffico del nome host che soddisfa un certo insieme di valori. Allora come puoi configurarlo?

  1. Prima controlla il tuo rapporto sul nome host e specifica un certo intervallo di date, preferibilmente uno che supera un mese. Questo restringerà i nomi host che dovresti includere.
  2. In secondo luogo, costruisci il filtro utilizzando alcune espressioni regolari di base. Assicurati di ottenere questo filtro giusto per altri che potresti interferire con le tue statistiche. Ricorda, potrebbe richiedere anche una manutenzione frequente. Ad esempio, quando si aggiungono nuovi nomi di dominio (di terze parti) o si spostano nomi di dominio. Lo strumento Auto Spam Filter può essere utilizzato per proteggere ed eliminare qualsiasi altro spam di referrer o traffico fantasma.

È possibile una soluzione duratura al momento?

Finché i meccanismi di autenticazione sono in grado di indicare chi può inviare dati a uno specifico UA-ID, allora è possibile. Sfortunatamente Google Analytics opera sotto il precipizio di un protocollo di monitoraggio o misurazione JS, entrambi i quali si basano su una macchina client non identificata che invia la richiesta HTTP. Sulla base di questi fatti innegabili, è soggetto a corruzione tramite spoofing o falsificazione. Non sembra esserci alcun rimedio a questo problema che non tocchi l’alterazione delle fondamenta stesse del funzionamento di Google Analytics in modo significativo.

Già nel 2013 Google era già a conoscenza di questa situazione. La prova del loro riconoscimento di questo problema è stata data da una risposta di Nick Michailvoski, una delle menti migliori del team di Google Analytics. A meno che l’azienda non decida di alterare drasticamente la struttura stessa del sistema di monitoraggio di Google Analytics, il problema degli spam dei referrer non scomparirà presto. Tutto quello che possiamo fare è fare del nostro meglio per ridurlo al minimo.

Quindi, questo è un processo in corso?

Al momento sembra proprio di sì. Seguire le due soluzioni sopra menzionate non ti garantisce alcuna forma di protezione da esse. Proprio come è stato accennato in precedenza, lo spam web è destinato a restare. Lo spam sul Web continua a evolversi man mano che gli spammer scoprono metodi diversi per distribuire efficacemente i loro spam di riferimento. Possono persino utilizzare nomi host diversi per inviarli. Essendo informato sulla situazione che sono gli spam dei referrer, dovresti prendere in considerazione l’utilizzo di filtri di inclusione del nome host, restrizioni HTaccess e filtri di esclusione referrer aggiornati.

Cosa succede dopo lo spam dei referrer?

Tieni sempre presente che la facilità con cui lo spam del referrer può essere inviato può incoraggiare i mittenti a svolgere attività maliziose. A partire da ora, l’integrità dei dati di Google Analytics è vulnerabile. Sulla base dei fatti che abbiamo appena delineato, sembra che un attaccante abbia molte più opzioni di attacco a sua disposizione rispetto al ricevitore che sta giocando in difesa.

Conclusione

Lo spam dei referrer può essere molto irritante per i proprietari di siti web. Può darti la falsa impressione che il tuo sito web attiri molto traffico. Tale disinformazione può offuscare il tuo giudizio quando prendi decisioni importanti che potrebbero influire sulla tua attività.

Sembra che Google non stia investendo molto tempo, energie e risorse per impedire agli spammer di interferire con le tue statistiche. Ecco perché non ci resta altra scelta che bloccarli il più possibile con i filtri di esclusione.

Analytics Toolkit potrebbe essere la soluzione per dare una mano agli imprenditori che desiderano accertare la credibilità delle proprie statistiche. È dotato di filtri antispam automatici che tengono lontana una buona quantità di spam dai referrer. Vengono forniti anche altri strumenti di analisi e SEO. La sua fascia di prezzo parte da 15€.

Francesco Corbisiero

Sono un consulente di marketing che aiuta le aziende B2B, B2C e Startup a generare più lead, vendite e aumentare i ricavi online. Offro consigli esperti sul marketing della tua azienda nel modo giusto attraverso SEO basato sulle prestazioni, marketing digitale, social media, marketing sui motori di ricerca e molte altre pratiche online. Connettiti con me su LinkedIn e programma una sessione gratuita di strategia di marketing!

Stai cercando di far crescere la tua attività con il marketing digitale?

Post raccomandati

guida illustrata come uscire da facebook

Come uscire da Facebook

Sembra banale ma non lo è! Molte persone si chiedono come fare per uscire da Facebook dal cellulare oppure come uscire dal pc. In vista

Leggi altro »