Internal Link: Perché è Fondamentale per Posizionare il tuo Sito Web

internal linking importante per il posizionamento

Link building, internal link, external linking (backlink), etc. Purtroppo la SEO è un mondo infinitamente vasto e ogni argomento va compreso fino in fondo al fine di capirne l’effettivo valore. Troppo spesso, per dover (giustamente) giustificare i costi per un progetto SEO, mi ritrovo a spiegare alcuni passaggi necessari che il professionista dovrà fare al fine di posizionare il sito web.

A tal proposito ho pensato di scrivere un articolo per spiegare nel modo più dettagliato possibile perché l’attività di internal link (che purtroppo richiede tempo e olio di gomito) è fondamentale per posizionare un sito web su Google.

Leggi anche: Backlink: Cos’è e perché è cosi importante per la SEO

Cosa sono i link interni?

I collegamenti interni (internal links) sono collegamenti ipertestuali che puntano a pagine dello stesso dominio. Questi sono diversi dai link esterni, che rimandano a pagine su altri domini.

Perché l’internal link è cosi importante per la SEO?

I link interni aiutano Google a trovare, indicizzare e comprendere tutte le pagine del tuo sito.

Se li usi strategicamente, i link interni possono inviare l’autorità della pagina (nota anche come PageRank) a pagine importanti.

In breve: il collegamento interno è la chiave per qualsiasi sito che desideri un posizionamento più elevato su Google.

how link juice flow?

Le migliori pratiche

A seguire in questo articolo, spiegherò dettagliatamente quali sono tutte le pratiche che applico in ogni lavoro per ottenere il massimo risultato in ambito di posizionamento.

Usa anchor text ricco di parole chiave

Puoi creare un collegamento interno usando un testo di ancoraggio a corrispondenza esatta.

In questo caso specifico all’interno del paragrafo ho collegato alla parola “prestazioni del sito web”, il seguente articolo che parla dell’ottimizzazione di un sito web: www.seo-digitalmarketing.it/come-capire-se-un-sito-web-e-fatto-bene/

Facendo ciò aiuto sia Google che gli utenti a capire qual è l’argomentazione a cui punta l’anchor text.

Link a pagine importanti

Quando ti colleghi a un’altra pagina del tuo sito, invii l’autorità di collegamento a quella pagina.

Questi collegamenti interni non sono così potenti come i collegamenti da altri siti Web. Ma aiutano non poco.

Ecco perché i professionisti SEO intelligenti si collegano strategicamente a pagine importanti.

Il processo esatto è il seguente:

Innanzitutto, avvia il tuo strumento SEO preferito, come: Ahrefs, SEOZoom o SEMRush.

Quindi, trova le pagine del tuo sito con l’autorità di collegamento MAGGIORE.

elenco pagine con url rating più alto

All’interno di queste pagine, cerca di collegare attraverso un anchor l’articolo che hai scelto.

Nel mio caso, all’interno della pagina: “Posizionamento Google: Perché il tuo sito non è tra i primi risultati“, ho creato un anchor text alla voce “backlink” ed ho inserito il link al mio nuovo articolo: “Backlink: Cos’è e perché è cosi importante per la SEO“.

Cosi facendo ho passato parte dell’authority della pagina sul “posizionamento” alla nuova pagina sui “backlink”.

Non usare lo stesso testo di ancoraggio per due pagine diverse

Se lo fai, rischi di confondere Google.

Ad esempio, supponiamo che tu abbia due pagine sul tuo sito.

Uno riguarda i “biscotti con gocce di cioccolato senza cereali“. E l’altro riguarda i “biscotti con gocce di cioccolato a basso contenuto di carboidrati“.

due pagine di prodotti differenti

Bene, non vorrai collegare entrambe le pagine con lo stesso testo di ancoraggio:

la stessa anchor text linka pagine differenti

Quando Google lo vede, pensa che entrambe le pagine siano esattamente sullo stesso argomento.

Utilizza invece un testo di ancoraggio descrittivo diverso per ogni pagina:

usa un testo descrittivo per linkare le pagine

Controlla i collegamenti interni

La Search Console di Google ha una funzione FANTASTICA chiamata: “link”.

google search console link

E puoi usare questa funzione per vedere com’è impostata l’internal linking del tuo sito.

Ad esempio, se guardi il mio rapporto, puoi vedere che la maggior parte dei miei collegamenti interni puntano alle pagine “privacy policy” e “cookie policy”.

Questo non è l’ideale per la SEO. Ma poiché queste pagine sono tutte nella navigazione principale del mio sito, è qualcosa con cui devo convivere.

Raccomando di fare un audit sull’internal linking 1-2 volte all’anno. A volte scoprirai che le pagine a bassa priorità stanno ricevendo un sacco di collegamenti da pagine interne.

(che è qualcosa che puoi risolvere rapidamente)

Metti i link in alto nella tua pagina

Ho testato MOLTO il posizionamento dei link interni.

E posso dirti che mettere i link interni nella parte superiore della tua pagina può ridurre la frequenza di rimbalzo e migliorare il tempo di permanenza.

Cosa ha a che fare questo con la SEO?

Bene, quando qualcuno trascorre molto tempo sul tuo sito, dice a Google: “Le persone adorano questo risultato. Questa pagina deve essere un ottimo risultato per questa parola chiave. Aumentiamolo di qualche punto”.

un tempo di permanenza elevato migliora il ranking

E quando metti i link interni in alto sulla tua pagina, dai alle persone qualcosa su cui fare clic immediatamente.

Ciò significa che trascorreranno più tempo sul tuo sito.

Link dofollow

Se desideri inviare PageRank al tuo sito tramite link interni, dovrai utilizzare i normali link dofollow.

Sì, questo è ovvio. Ma vale la pena menzionarlo perché ho già visto persone che non seguivano i loro link interni.

Di solito è perché usano una sorta di plugin che aggiunge automaticamente il tag “nofollow” ai link esterni e alcune volte un bug o un’impostazione rende anche i collegamenti interni “nofollow”.

Leggi anche: Link DoFollow vs Link NoFollow: Quali sono le differenze?

Usa i link interni per aiutare l’indicizzazione

Google di solito trova e indicizza tutte le pagine importanti di un sito web.

Ma se hai MOLTE pagine, Google potrebbe indicizzare solo una certa percentuale delle pagine del tuo sito.

solo alcune pagine potrebbero essere indicizzate

È qui che entrano in gioco i collegamenti interni.

I link interni consentono a Google di trovare facilmente le pagine del tuo sito.

con la linking interna le pagine sono più facili da trovare

(Soprattutto pagine che sono sepolte in profondità nell’architettura del tuo sito, a volte chiamate “Pagine orfane”)

Quindi, se hai una pagina o un insieme di pagine che vuoi indicizzare, crea un link interno a quella pagina o categoria di quella pagina dalla navigazione del tuo sito:

aggiungi i link interni alle pagine o alle categorie per migliorare l'idicizzazione

oppure direttamente da una pagina all’altra:

linking diretto alla pagina

E non dimenticare di collegare dalla tua sitemap alla pagina che vuoi indicizzare.

Crea internal link in modo strategico dalla tua home page

Se sei come la maggior parte delle persone, la tua home page è la pagina più autorevole di tutto il tuo sito web.

Ad esempio, la mia home page è quella con maggiori backlink rispetto alla mia seconda pagina più collegata:

migliori pagine per backlink in entrate

Quindi è importante creare collegamenti dalla tua home page a pagine che hanno bisogno di un po’ di authority.

Nel mio caso, ho creato una linking dalla mia home page al mio blog (inserendo il collegamento nella barra di navigazione principale):

Sì, quel link interno invia autorità al feed del mio blog.

Ma poiché il mio blog si collega a ogni post sul mio sito, l’autorità della home page alla fine raggiunge tutti i miei post:

passaggio di authority agli articoli presenti sul sito

(Sarebbe meglio collegarsi direttamente dalla mia home page a post importanti? Certo. Ma funziona quasi altrettanto bene e mantiene la mia home page focalizzata sulle conversioni).

Evita l’automazione

Non sono un fan degli strumenti che automatizzano i collegamenti interni.

internal link juicer plugin wordpress

Come mai? 3 motivi:

  1. È difficile essere strategici: plugin e strumenti aggiungono collegamenti interni senza capire quali pagine hanno bisogno di più autorità o a quali pagine del tuo sito è meglio collegare DA.
  2. Spam di anchor text: a seconda delle dimensioni del tuo sito, un plug-in può creare FACILMENTE 1k+ collegamenti interni di anchor text con corrispondenza esatta durante la notte.
  3. Ignora gli utenti: i link interni non sono solo per la SEO. Aiutano anche gli utenti a trovare contenuti correlati sul tuo sito. Ad esempio, un plugin non potrebbe mai pensare di aggiungere questo link:

Internal link su vecchie pagine

Lo faccio come parte del mio audit trimestrale ed è SUPER utile.

Ecco come funziona:

Per prima cosa, trova un vecchio articolo sul tuo sito che hai pubblicato almeno un anno fa. Quindi, prendi un elenco di pagine che hai pubblicato da quando hai pubblicato per la prima volta il vecchio articolo. Infine, scansiona la pagina alla ricerca di punti in cui puoi aggiungere un collegamento interno a una nuova pagina.

Ecco!

Hai appena ricevuto una manciata di link interni con non troppo lavoro.

Priorità internal link

A volte ti ritroverai con due link interni identici sulla stessa pagina.

due anchor text puntano allo stesso articolo

In questo caso, quale anchor text “conta” Google?

Il primo della pagina.

solo il primo anchor text viene contato da google

Ecco perché l’anchor text del tuo link è così importante. Non solo la tua navigazione si traduce in MOLTI collegamenti, ma può sovrascrivere altre anchor sulla tua pagina.

Leggi anche: [GUIDA COMPLETA] Come essere in Prima Pagina su Google

corbisiero francesco esperto seo

Francesco Corbisiero

Sono un consulente SEO e di marketing digitale. Supporto aziende B2B, B2C e Startup nel generare più lead, vendite e aumentare i ricavi online. I miei 5 anni di esperienza nello sviluppo e nell’esecuzione di strategie di marketing digitale hanno aiutato attività di piccole e medie dimensioni a migliorare il loro traffico organico, l’ottimizzazione del tasso di conversione, generare più lead e migliorare il ROI sugli investimenti di marketing. 

Stai cercando di far crescere la tua attività con il marketing digitale?

Potrebbe interessarti anche...

Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.