Perché browser e dispositivi diversi mostrano risultati di ricerca diversi su Google?

L’ottimizzazione per i motori di ricerca può essere impegnativa anche per i professionisti di digital marketing più esperti. Richiede un’attenta analisi, creazione di contenuti di qualità e una comprensione degli ultimi algoritmi dei motori di ricerca. Ma con le giuste competenze, è possibile portare la tua pagina in cima ai risultati di ricerca in modo efficiente.

Tuttavia, a volte potresti affrontare una sfida diversa nella tua strategia SEO. La tua pagina potrebbe essere visualizzata nella prima posizione quando la cerchi, ma potrebbe apparire più in basso quando qualcun altro cerca la stessa identica frase. È fondamentale capire perché due utenti che cercano lo stesso termine possono ricevere un diverso insieme di risultati. Conoscere i fattori che determinano ciò fa parte dello sviluppo della strategia SEO definitiva per te e i tuoi clienti.

La nuova era dei risultati di ricerca personalizzati

La parte “ricerca” del SEO di solito si riferisce a Google, che continua a dominare completamente il campo dei motori di ricerca. La comprensione di questo problema implica la comprensione di Google stesso e dei dettagli del loro algoritmo di ricerca.

Google ha un enorme appetito per i dati, raccogliendo enormi quantità di dati personali sui suoi utenti, che raccoglie a sua volta dalle cronologie di ricerca e dai suoi prodotti principali come Gmail e Chrome. Il motivo per cui Google cerca di assemblare questo profilo di ogni utente, è in modo che possa personalizzare i risultati di ricerca fornendo risposte più accurate alle query e aiutando a indirizzare i messaggi AdWords per ogni specifica preferenza di ricerca degli utenti.

Questo è il motivo per cui potresti notare una discrepanza tra i risultati di ricerca visualizzati e i risultati che qualcun altro potrebbe ottenere per la stessa query. È anche il motivo per cui potresti notare differenze a seconda che tu abbia effettuato l’accesso ai servizi di Google o navigando in modo anonimo. Quindi esattamente, cosa accade quando un singolo utente fa una ricerca su Google? Ecco alcuni dei fattori chiave:

Localizzazione geomirata

Tutti i siti web, incluso Google, possono sapere dove ti trovi semplicemente esaminando il tuo indirizzo IP. Gli utenti Google che hanno effettuato l’accesso possono anche utilizzare la funzione “La mia posizione” per specificare dove si trovano nel mondo o scegliere di visualizzare i risultati da una particolare località modificando le opzioni di ricerca. I dati sulla posizione configurati manualmente vengono memorizzati in un cookie sul tuo browser e raccolti di nuovo la prossima volta che esegui una ricerca su Google.

Ai risultati di ricerca pertinenti alla tua posizione verrà sempre data la preferenza, soprattutto se la ricerca è per qualcosa che varia da zona a zona come ristoranti o hotel. Se possibile, Google restituirà un risultato di Google Maps per la ricerca con il punteggio più alto, consentendoti di esplorare il tuo quartiere per qualunque cosa tu stia cercando.

Puoi anche accedere alle versioni locali di Google semplicemente cambiando il suffisso del dominio. Ad esempio, Google.co.uk ti porterà alla versione britannica di Google.

Cronologia delle ricerche

La tua cronologia di ricerca personale ha un grande effetto sui risultati di ricerca futuri. Se utilizzi Google dopo aver eseguito l’accesso, la cronologia completa delle ricerche viene memorizzata e la funzione di completamento automatico di Google offre ricerche precedenti pertinenti. Anche se il termine di ricerca non è presente nella cronologia, le informazioni memorizzate sulle ricerche precedenti influenzeranno comunque i risultati visualizzati.

Ad esempio, se fai spesso clic sulle voci di Wikipedia, i risultati di ricerca di Wikipedia verranno spostati all’inizio dei risultati di ricerca. Anche se non hai effettuato l’accesso, la cronologia delle ricerche del tuo browser viene memorizzata localmente come un cookie e questo avrà un impatto sui risultati prodotti.

Data center di Google

Dietro il famoso motore di ricerca, ci sono dozzine di data center in tutto il mondo che lavorano duramente per elaborare le query degli utenti e produrre risultati di ricerca. La tua query Google viene automaticamente indirizzata al data center disponibile più vicino e i risultati vengono restituiti da lì.

In teoria, non dovrebbe importare quale data center utilizzi; in pratica; gli aggiornamenti tra i server del data center possono avvenire in momenti diversi, dando una leggera variazione per gli utenti in diverse regioni. Questo non è uno dei fattori più importanti, ma vale comunque la pena considerarlo.

Controlli a campione

Google si impegna costantemente per migliorare le proprie prestazioni e perfezionare i propri algoritmi di ricerca. Fino al 40% delle query di Google possono essere utilizzato in diversi tipi di test dietro le quinte mentre gli ingegneri lavorano per ottimizzare le prestazioni. Questi test tendono ad essere relativamente minori ma, ancora una volta, possono causare una certa differenza tra i risultati di ricerca. Anche l’esecuzione della stessa query due volte nello stesso browser potrebbe produrre una certa variazione.

Questi sono i fattori chiave nella variazione dei risultati di ricerca. Sfortunatamente, c’è poco che si può fare per influenzarli da un punto di vista SEO, poiché queste sono tutte caratteristiche dell’esperienza utente di Google o vincoli tecnici dal punto di vista di Google.

Ci sono alcuni passaggi che possono essere adottati per mitigare l’effetto dei diversi risultati di ricerca in Google. La cosa più importante è tenerne conto nei test quando provi a valutare il posizionamento dei tuoi contenuti web. Molte persone dimenticano che i loro browser restituiranno risultati personalizzati per loro, il che significa che i tuoi contenuti verranno evidenziati in un modo che non sarà per gli utenti esterni. Quando esegui ricerche di prova, assicurati di esserti disconnesso completamente e di aver cancellato tutti i cookie dal tuo browser. Meglio ancora, mantieni un ambiente di test pulito utilizzato esclusivamente ai fini della valutazione SEO.

Dovresti ricordare che il consiglio di Google, come per tutto ciò che riguarda la SEO, è di produrre contenuti di alta qualità, pertinenti e originali. Questa rimane la migliore strategia SEO di tutte; pubblicare contenuti che le persone vogliono leggere ti assicurerà di essere spinto in cima ai risultati di ricerca di tutti in modo organico.

Francesco Corbisiero

Sono un consulente di marketing che aiuta le aziende B2B, B2C e Startup a generare più lead, vendite e aumentare i ricavi online. Offro consigli esperti sul marketing della tua azienda nel modo giusto attraverso SEO basato sulle prestazioni, marketing digitale, social media, marketing sui motori di ricerca e molte altre pratiche online. Connettiti con me su LinkedIn e programma una sessione gratuita di strategia di marketing!

Stai cercando di far crescere la tua attività con il marketing digitale?

Post raccomandati

guida illustrata come uscire da facebook

Come uscire da Facebook

Sembra banale ma non lo è! Molte persone si chiedono come fare per uscire da Facebook dal cellulare oppure come uscire dal pc. In vista

Leggi altro »