Cosa Fanno le Persone sul tuo Sito Web? Scoprilo con Microsoft Clarity

logo di microsoft clarity

Ti sei mai chiesto cosa fanno le persone che visitano il tuo sito? Con Microsoft Clarity puoi vedere, tramite un video (e non solo), come l’utente interagisce con il sito web. Puoi capire dove clicca, come lo fa, cosa legge e tanto altro.

Non ci credi? Ecco un immagine di esempio della mia dashboard personale di Clarity

dashboard microsoft clarity
Video di un utente su seo-digitalmarketing che sta leggendo il mio articolo che parla di Google My Business

Microsoft Clarity è uno strumento di analisi del comportamento degli utenti e del debug di siti Web diverso da qualsiasi altro.

Ciò che fa Clarity è fornire informazioni su come gli utenti interagiscono con il sito, rendendolo completamente diverso da altri strumenti di analisi, incluso Google Analytics. Tutto ciò può darti una mano a migliorare anche i Core Web Vitals e il posizionamento su Google.

Scopri le sue varie funzionalità, limitazioni, perché non è un concorrente di Google Analytics e come puoi utilizzare al meglio Microsoft Clarity qui.

Analisi dell’esperienza utente

Altri strumenti di analisi si concentrano su cose come i rapporti sul traffico, le parole chiave , la popolarità delle pagine e così via.

Microsoft Clarity si concentra sull’esperienza dell’utente per aiutare gli editori a ottenere informazioni dettagliate su come gli utenti interagiscono con il proprio sito.

I dati sul comportamento degli utenti aiutano gli editori a identificare le aree da migliorare, trovare bug delle pagine Web e ottenere informazioni dettagliate sulle conversioni, tra molte altre informazioni utili.

dashboard microsoft clarity

Microsoft Clarity fornisce anche componenti di apprendimento automatico e intelligenza artificiale in background che generano automaticamente informazioni dettagliate basate sui modelli creati dai comportamenti degli utenti del sito Web. Fornisce queste informazioni come suggerimenti per ulteriori indagini e monitoraggio.

Con Clarity, un editore può vedere i modelli di coinvolgimento degli utenti in diverse parti delle singole pagine e può riprodurre le sessioni utente per apprendere come gli utenti interagiscono con le pagine web.

Oltre 25 filtri semplificano l’analisi dei punti deboli degli utenti per eseguire il debug dei problemi del sito Web o scoprire cosa funziona per replicare quell’esperienza su altre pagine.

Tutte queste informazioni dettagliate vengono fornite da Microsoft Clarity quasi in tempo reale.

Microsoft Clarity vs Google Analytics

Potresti chiederti se hai bisogno di Microsoft Clarity se hai già Google Analytics. Alcuni credono che, poiché sono entrambi servizi di analisi, potrebbero esserci sovrapposizioni tra i due.

Tuttavia, non c’è davvero alcun confronto tra Google Analytics e Microsoft Clarity perché fanno cose molto diverse.

Google Analytics fornisce informazioni dettagliate sui modelli di traffico.

Microsoft Clarity fornisce informazioni utili su come gli utenti interagiscono con le pagine Web.

Microsoft Clarity non è un concorrente di Google Analytics. Invece, in realtà, integra Google Analytics al punto che puoi collegare Google Analytics a Clarity e ottenere ancora più informazioni sul comportamento degli utenti utilizzando i dati importati.

integrazione google analytics in clarity

Conformità GDPR

Sebbene Microsoft Clarity tenga traccia del comportamento degli utenti sul sito Web, Clarity è pienamente conforme al GDPR europeo.

Quindi nessuna violazione della privacy degli utenti.

Microsoft Clarity impatta sulla velocità della pagina?

JavaScript di Microsoft Clarity viene caricato in modo asincrono e, secondo Microsoft, non influisce sulle prestazioni del sito Web.

Microsoft dice:

“I visitatori del tuo sito non sperimenteranno alcuna differenza nella velocità o nelle prestazioni del sito. 
Clarity JavaScript è asincrono, quindi non rallenta il tempo di caricamento della pagina.”

Microsoft Clarity ha limitazioni di traffico?

Non ci sono limiti alla quantità di traffico che può essere misurata da Clarity.

A differenza di altri strumenti che impongono limiti di traffico alle versioni gratuite, Microsoft non impone limiti in base al traffico.

Secondo Microsoft:

“Non ci sono assolutamente limiti al numero di siti per account. 
Clarity può scalare per supportare anche i siti Web più grandi.

Clarity elabora più di 1 petabyte di dati da oltre 100 milioni di utenti al mese. 
Inoltre, non ci sono limiti di traffico su questi siti”.

Funzionalità Microsoft Clarity

Le caratteristiche principali di Microsoft Clarity sono:

  • Mappe termiche (o meglio conosciute come heatmaps).
  • Registrazioni della sessione.

Mappe termiche

Clarity Heatmaps fornisce due tipi di dati di heatmap:

1. Click Heatmaps

  • Mostra i livelli di coinvolgimento di diverse parti di una pagina web.
  • Rivela dove le persone stanno facendo clic (inclusi gli elementi della pagina non cliccabili).
  • Fornisce un’idea di quali elementi della pagina sono importanti per la maggior parte dei visitatori del sito.

I dati della mappa termica dei clic possono essere visualizzati per una singola pagina o per un gruppo di pagine.

Questi dati possono essere ulteriormente perfezionati e segmentati con filtri per approfondire e vedere in che modo i diversi utenti fanno clic sugli elementi della pagina web.

Screenshot di Microsoft Clarity Heatmaps, ottobre 2020

2. Scroll Heatmaps

Scroll Heatmaps mostra fino a che punto gli utenti stanno scorrendo su una pagina web. Come tutte le altre funzionalità di Clarity, i filtri possono essere applicati alla Scroll Heatmap per vedere come i diversi utenti scorrono una pagina, ad esempio per dispositivo.

Scorri i dati della mappa di calore è incredibilmente utile perché può mostrare fino a che punto gli utenti stanno scorrendo prima di fare clic su un invito all’azione.

Scroll Heatmaps può anche aiutare a identificare se gli utenti non stanno raggiungendo un invito all’azione o informazioni importanti.

Se gli utenti non raggiungono determinati contenuti e si ritirano dal sito senza eseguire la conversione, i dati della mappa termica di scorrimento mostreranno a che punto gli utenti stanno effettuando il salto sul tuo sito.

Dati di Heatmap utilizzabili

Le mappe di calore di Clarity possono essere segmentate da filtri come sorgenti di traffico, dispositivi e browser per identificare i modelli visualizzati da diversi visitatori.

I dati della mappa di calore sono utili per il debug dei problemi delle pagine Web identificando dove stanno facendo clic, comprendendo meglio l’esperienza dell’utente e identificando dove gli utenti si soffermano.

Inoltre, aiuta a migliorare le conversioni mostrando dove gli utenti stanno “saltando” o se gli inviti all’azione non stanno stimolando i clic.

A mio parere, la qualità più importante della funzione Clarity Heatmaps è aiutare a migliorare le conversioni perché la maggior parte dei siti ha un’azione di conversione che vogliono che gli utenti completino, sia che si tratti di fare clic su un annuncio, acquistare un prodotto, fare clic su un link di affiliazione o registrarsi per un newsletter.

La Clarity Heatmap aiuta a risolvere i problemi di conversione e a migliorarli.

Le informazioni in Clarity Heatmaps possono anche essere condivise con altri nella tua azienda e con i clienti.

Non ci sono limiti di traffico alla funzione Clarity Heatmap, il che la rende una funzionalità interessante per gli editori con una grande quantità di traffico e per quelli che iniziano.

Registrazioni della sessione

Le registrazioni delle sessioni di Clarity sono una funzionalità che registra e riproduce i percorsi degli utenti attraverso il sito Web. Mostra come gli utenti interagiscono con la navigazione del sito, gli inviti all’azione, le funzioni di ricerca e altri elementi sulla pagina.

Le registrazioni delle sessioni mostrano agli editori se la navigazione e i collegamenti del sito aiutano gli utenti a trovare il contenuto che desiderano e possono anche mostrare quali fattori sulla pagina non funzionano, come gli inviti all’azione.

Screenshot di una sequenza temporale di una sessione utente

Le registrazioni della sessione possono identificare: rage clicks, dead clicks, quick backs, and excessive scrolling.

Rage Clic

I Rage clic o “clic di rabbia” indicano aree di una pagina Web che potrebbero non essere interattive quando un utente si aspetta che lo siano. Il tipico clic di rabbia è caratterizzato quando un utente fa clic ripetutamente su un elemento di una pagina Web come un collegamento, un pulsante o un’immagine.

Ad esempio, se un collegamento non funziona perché la pagina non è stata completamente caricata o un’immagine sembra un collegamento ma non lo è affatto. I clic di rabbia sono evidenziati da Clarity per evidenziare le aree dell’esperienza utente che indicano la frustrazione dell’utente nei confronti della pagina Web.

Dead Clicks

Un dead clic o “clic morto” è ciò che accade quando un elemento interattivo non risponde in un ragionevole lasso di tempo o non risponde affatto.

Questo è anche un segnale di frustrazione dell’utente.

Quick Backs

Il ritorno rapido è quando un utente fa clic dal tuo sito a un altro sito ma poi ritorna.

Microsoft indica che questo punto dati verrà aggiornato per includere il sito di origine in modo che registrerà quando un utente fa clic da una pagina in un sito a un’altra pagina nello stesso sito e quindi torna alla pagina originale, indicando insoddisfazione per la pagina che ha cliccato su.

Excessive Scrolling

Le registrazioni delle sessioni possono anche rivelare ciò che Microsoft chiama “scorrimento eccessivo”.

Lo scorrimento eccessivo è quando Clarity rileva che un visitatore del sito scorre su e giù secondo uno schema insolito che indica un’esperienza utente scadente.

Questo punto dati potrebbe indicare che l’utente non sta trovando ciò che si aspetta di trovare e probabilmente frustra il visitatore del sito in qualche altro modo, abbastanza da indurli a lasciare il sito.

Le registrazioni delle sessioni di Clarity forniscono informazioni preziose che possono aiutare ad aumentare le vendite, i clic di affiliazione, i clic sugli annunci e la soddisfazione dei visitatori del sito.

Una caratteristica utile di Session Recordings è che questi punti dati possono essere segmentati da browser, campagna e altri 23 filtri.

Le registrazioni di Clarity Session sono un modo efficace per ottenere informazioni dettagliate sul comportamento degli utenti e migliorare le prestazioni di pagine Web e siti Web.

Leggi anche: Come capire se un Sito Web è fatto bene?

dashboard delle registrazioni di clarity
Screenshot del dashboard delle registrazioni

La sequenza temporale della sessione, mostrata nello screenshot sopra, è come un filmato dell’interazione dell’utente con una pagina. Vengono visualizzati i movimenti del cursore.

Il pannello della sessione a sinistra consente a un editore di filtrare i dati per isolare un’ampia gamma di tipi di dati.

Le singole sessioni visualizzate nei riquadri possono essere selezionate e visualizzate.

Inoltre, è possibile fare clic sul pulsante Filtri in alto per selezionare una grande quantità di tipi di dati, come il dispositivo utente e così via.

Facendo clic sul pulsante Filtri si ottiene un’intera pagina Web di filtri.

Per risparmiare spazio e fornire un primo piano, ho tagliato a metà la pagina dei filtri, un lato sinistro e un lato destro.

filtri di microsoft clarity
Screenshot dei filtri

Approfondimenti su Clarity

Microsoft Clarity Insights è una funzionalità che applica la potenza degli algoritmi di Deep AI e Machine Learning per far emergere automaticamente informazioni utili dai dati di analisi raccolti da Clarity.

approfondimenti della dashboard di microsoft clarity

Clarity controlla le registrazioni delle sessioni con errori JavaScript, clic di rabbia e clic morti, oltre a identificare i browser e anche i gruppi di utenti da guardare.

Gli utenti possono salvare i gruppi per il monitoraggio.

La documentazione di Clarity dice:

“Clarity Insights è un insieme di filtri e consigli basati su Machine Learning (ML) su quali contenuti dovrebbero essere più importanti per te.

…Attraverso la dashboard, puoi comprendere gli utenti senza dover analizzare l’oceano di dati derivati ​​dalle interazioni degli utenti sul sito web.

Viene una domanda centrale: se Clarity può registrare ogni interazione dell’utente, come può far emergere le sessioni e le pagine che contano di più? Una soluzione arriva tramite la piattaforma Clarity Insights.

Clarity Insights si basa sui decenni di esperienza di Microsoft in Data Science e Machine Learning per identificare tendenze e modelli chiave nell’attività del tuo sito.

…Fornire analisi accurate, accessibili e proattive è una caratteristica fondamentale di Clarity”.

Conviene utilizzare Microsoft Clarity Analytics?

La grande domanda che molti hanno è se dovrebbero usare Clarity considerando che usano già un altro programma di analisi.

Clarity fornisce informazioni utili per migliorare i guadagni del sito Web e l’esperienza dell’utente, cosa che molti programmi di analisi non forniscono. È chiaro che Microsoft Clarity non è un concorrente di Google Analytics, è ad esso complementare. Pertanto, si potrebbe dire che non è appropriato confrontare i due perché entrambi risolvono problemi diversi.

Clarity è un buon prodotto perché aiuta gli editori a migliorare le conversioni e le vendite, nonché l’esperienza utente dei visitatori del sito. Ciò che fa Clarity è aiutare gli editori a identificare le carenze nei loro siti e a migliorarli.

Non esiste un prezzo per Microsoft Clarity: è gratuito, indipendentemente dalla quantità di traffico che un sito attira.

L’unica limitazione a Clarity è che i siti Web finanziari, governativi e medici non sono consigliati da Microsoft per l’integrazione in Clarity.

La risposta alla domanda se dovresti usare Microsoft Clarity, a parte l’avvertenza di cui sopra, dipende da quanto sia importante per te migliorare i guadagni e l’esperienza utente dei visitatori del sito.

Nel mio caso utilizzo sempre Clarity nei siti dei miei clienti al fine di ottimizzare la UX (user-experience) e migliorare di conseguenza il posizionamento su Google.

Leggi anche: [GUIDA COMPLETA] Come essere in Prima Pagina su Google

corbisiero francesco esperto seo

Francesco Corbisiero

Sono un consulente SEO e di marketing digitale. Supporto aziende B2B, B2C e Startup nel generare più lead, vendite e aumentare i ricavi online. I miei 5 anni di esperienza nello sviluppo e nell’esecuzione di strategie di marketing digitale hanno aiutato attività di piccole e medie dimensioni a migliorare il loro traffico organico, l’ottimizzazione del tasso di conversione, generare più lead e migliorare il ROI sugli investimenti di marketing. 

Stai cercando di far crescere la tua attività con il marketing digitale?

Potrebbe interessarti anche...

Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.