Come Fare la Ricerca di Parole Chiave [GUIDA COMPLETA]

come fare la keyword research

Mentre Google ci tiene aggiornati con tutti gli aggiornamenti dell’algoritmo che continuano a lanciare, una cosa è rimasta abbastanza coerente per i marketer inbound che cercano di ottimizzare i loro siti Web per la ricerca: la ricerca di parole chiave (o meglio conosciuta come keyword research).

In questo articolo definirò i seguenti punti:

Cos’è la ricerca di parole chiave

La ricerca per parole chiave (o keyword research) è il processo di ricerca e analisi dei termini di ricerca che le persone inseriscono nei motori di ricerca con l’obiettivo di utilizzare quei dati per uno scopo specifico, spesso per l’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) o per il marketing generale. La ricerca per parole chiave può scoprire le query a cui fare riferimento, la popolarità di queste query, la loro difficoltà di posizionamento e altro ancora.

Leggi anche: Posizionamento Google: Perché il tuo Sito Web non è tra i Primi Risultati?

Perché la ricerca delle parole chiave è importante

La ricerca per parole chiave fornisce informazioni preziose sulle query che il tuo pubblico di destinazione sta effettivamente cercando su Google. Le informazioni che puoi ottenere possono aiutare a creare la strategia dei tuoi contenuti da inserire poi nel sito web.

Le persone usano le parole chiave per trovare soluzioni quando conducono ricerche online. Quindi, se i tuoi contenuti riescono a farsi notare dal nostro pubblico mentre effettuano le ricerche, guadagnerai più traffico. Pertanto, dovresti prendere di mira quelle ricerche.

Leggi anche: Articoli in Chiave SEO: 10 Consigli per Posizionarsi in Prima Pagina su Google

persona che cerca: come essere in prima pagina su google
Ricerca di: come essere in prima pagina su Google

Inoltre, nella metodologia inbound, non creiamo contenuti attorno a ciò che vogliamo dire alle persone; dovremmo creare contenuti attorno a ciò che le persone vogliono scoprire. In altre parole, il nostro pubblico viene da noi.

Tutto inizia con la ricerca di parole chiave.

Condurre la ricerca di parole chiave ha molti vantaggi, i motivi più popolari sono:

Approfondimento sulle tendenze di marketing

Condurre un’efficace ricerca di parole chiave può fornirti informazioni sulle attuali tendenze di marketing e aiutarti a centrare i tuoi contenuti su argomenti e parole chiave pertinenti che il tuo pubblico sta cercando.

Crescita del traffico

Quando identifichi le parole chiave più adatte al contenuto che pubblichi, maggiore sarà la tua posizione nei risultati dei motori di ricerca, maggiore sarà il traffico che attirerai sul tuo sito web.

Acquisizione del cliente

Se la tua attività ha contenuti che altri professionisti stanno cercando, puoi soddisfare le loro esigenze e fornire loro un invito all’azione che li condurrà dalla fase di consapevolezza al punto di acquisto.

Esempio di invito all'azione con pulsanti "richiedi una prima consulenza gratuita" e "verifica posizionamento del tuo sito"
Esempio di invito all’azione

Ricercando le parole chiave in base alla loro popolarità, volume di ricerca e intento generale, puoi affrontare le domande a cui la maggior parte delle persone nel tuo pubblico desidera risposte.

Tuttavia, le parole chiave stesse perché Google si è evoluto oltre gli algoritmi di corrispondenza esatta.

Parole chiave e argomenti

Sempre di più, sentiamo quanto la SEO si sia evoluta negli ultimi 10 anni e quanto le stesse parole chiave siano diventate irrilevanti per la nostra capacità di posizionarci bene per le ricerche che le persone fanno ogni giorno.

E in una certa misura, questo è vero, ma agli occhi di un consulente SEO è un approccio diverso. Piuttosto, è:

  • L’intento dietro quella parola chiave
  • Se un contenuto risolve o meno quell’intento (parleremo di più dell’intento tra un minuto).

Ma ciò non significa che la ricerca di parole chiave sia un processo obsoleto. 

La ricerca per parole chiave ti dice quali argomenti interessano alle persone e, supponendo che tu usi lo strumento SEO giusto, quanto siano effettivamente popolari questi argomenti tra il tuo pubblico. Il termine operativo qui è argomenti: ricercando parole chiave che ottengono un volume elevato di ricerche al mese, puoi identificare e ordinare gli argomenti su cui desideri creare contenuti. Quindi, puoi utilizzare questi argomenti per stabilire quali parole chiave cercare e scegliere come target.

Leggi anche: 10 Modi Gratuiti per Essere Primi su Google

Elementi di ricerca per parole chiave

Ci sono tre elementi principali a cui prestare attenzione quando si conduce una ricerca per parole chiave.

1. Rilevanza

Google classifica i contenuti per pertinenza. È qui che entra in gioco il concetto di intento di ricerca. I tuoi contenuti si classificheranno per una parola chiave solo se soddisfa le esigenze degli utenti. Inoltre, i tuoi contenuti devono essere la migliore risorsa disponibile per la query. Dopotutto, perché Google dovrebbe classificare i tuoi contenuti più in alto se fornisce un valore inferiore rispetto ad altri contenuti esistenti sul Web?

2. Autorità

Google fornirà più peso alle fonti che ritiene autorevoli. Ciò significa che devi fare tutto il possibile per diventare una fonte autorevole arricchendo il tuo sito con contenuti utili e informativi e promuovendoli per guadagnare segnali social e backlink. Se non sei considerato autorevole nello spazio, o se le SERP di una parola chiave sono caricate con fonti pesanti con cui non puoi competere, hai meno possibilità di classificarti a meno che i tuoi contenuti non siano eccezionali.

3. Volume

Potresti finire per classificarti sulla prima pagina per una parola chiave specifica, ma se nessuno la cerca mai, non risulterà in traffico verso il tuo sito. Un po’ come aprire un negozio in una città fantasma.

Il volume è misurato da VRM (volume di ricerca mensile), il che significa il numero di volte in cui la parola chiave viene cercata al mese in tutti i segmenti di pubblico.

Come condurre la ricerca delle keyword per la tua strategia SEO

Illustrerò un processo di ricerca delle parole chiave al fine di aiutarti a elaborare un elenco di keyeords che dovresti prendere di mira. In questo modo, sarai in grado di stabilire ed eseguire una buona strategia che ti aiuti a farti trovare per i termini di ricerca che ti interessano davvero.

vista keyword con le quali viene posizionato seo-digitalmarketing.it
Vista delle keyword con le quali è posizionato il sito della mia attività

Passaggio 1: crea un elenco di argomenti importanti e pertinenti in base a ciò che sai della tua attività.

Per dare il via a questo processo, pensa agli argomenti per i quali vuoi classificarti in termini di bucket generici. Ti verranno in mente circa 5-10 bucket di argomenti che ritieni importanti per la tua attività, quindi li utilizzerai per trovare alcune parole chiave specifiche più avanti nel processo.

Se sei un blogger normale, questi sono probabilmente gli argomenti su cui blogghi più frequentemente. O forse sono gli argomenti che emergono di più nelle conversazioni di vendita. Mettiti nei panni dei tuoi acquirenti: per quali tipi di argomenti cercherebbe il tuo pubblico di destinazione e per i quali vorresti che la tua attività venisse trovata? Se fossi un attività come la mia, ad esempio, che vende servizi di consulenza seo, potresti avere bucket di argomenti generali come:

  • “posizionamento google” (1000)
  • “essere in prima pagina su google” (560)
  • “esperto seo” (480)
  • “consulente seo” (4400)
  • “digital marketing” (8100)
  • etc

Vedi quei numeri tra parentesi a destra di ogni parola chiave? Questo è il loro volume di ricerca mensile. Questi dati ti consentono di valutare l’importanza di questi argomenti per il tuo pubblico e quanti diversi argomenti secondari potrebbero essere necessari per creare contenuti per avere successo con quella parola chiave. Per saperne di più su questi argomenti secondari, passiamo al passaggio 2…

Passaggio 2: compila i bucket di argomenti con le parole chiave.

Ora che hai alcuni bucket di argomenti su cui vuoi concentrarti, è il momento di identificare alcune parole chiave che rientrano in quei bucket. Queste sono frasi chiave che ritieni siano importanti per classificarsi nelle SERP (pagine dei risultati dei motori di ricerca) perché il tuo cliente target sta probabilmente conducendo ricerche per quei termini specifici.

Ad esempio, se prendessi come argomentazione il – “posizionamento google” – farei un brainstorming su alcune frasi chiave che penso che le persone digiterebbero in relazione a quell’argomento. Queste potrebbero includere:

  • Come posizionare un sito web su Google
  • Perché è importante il posizionamento di una attività online
  • Come capire in che posizione si è su Google
  • Differenza tra posizionamento e indicizzazione
  • etc

E così via e così via. Il punto di questo passaggio non è quello di elaborare l’elenco finale di frasi chiave. Vanno solo definite le frasi che ritieni che i potenziali clienti potrebbero utilizzare per cercare contenuti relativi a quel particolare bucket di argomenti. Restringeremo gli elenchi più avanti nel processo in modo da non avere qualcosa di troppo ingombrante.

Sebbene ogni giorno sempre più parole chiave vengano crittografate da Google, un altro modo intelligente per trovare idee per le parole chiave è capire per quali parole chiave viene già trovato il tuo sito web. 

Per fare ciò, avrai bisogno di un software di analisi dei siti web come Google Search Console oppure strumenti come Seozoom. Approfondisci le sorgenti di traffico del tuo sito web e passa al setaccio il tuo bucket di traffico di ricerca organico per identificare le parole chiave che le persone stanno utilizzando per arrivare al tuo sito.

rendimento nei risultati di ricerca tramite google search console
Rendimento nei risultati di ricerca attraverso Google Search Console

Passaggio 3: capire come l’intento influisce sulla ricerca delle parole chiave e analizzare le conseguenze.

Come ho detto nella sezione precedente, l’intenzione dell’utente è ora uno dei fattori più importanti per posizionarti bene sui motori di ricerca come Google. Oggi, è più importante che la tua pagina web affronti il ​​problema che un utente intende risolvere piuttosto che semplicemente contenga la parola chiave utilizzata dall’utente. Quindi, in che modo questo influisce sulla ricerca di parole chiave che fai?

È facile prendere le parole chiave per valore nominale e, sfortunatamente, le parole chiave possono avere molti significati diversi dietro di esse. Poiché l’intento alla base di una ricerca è fondamentale per il tuo potenziale di posizionamento, devi prestare molta attenzione a come interpretare le parole chiave a cui ti rivolgi.

Diciamo, ad esempio, che stai cercando la parola chiave “come avviare un blog” per un articolo che desideri creare. “Blog” può significare un post del blog o il sito Web del blog stesso. L’intento di un ricercatore dietro quella parola chiave influenzerà la direzione del tuo articolo. 

Il ricercatore vuole imparare come avviare un singolo post sul blog? O vogliono sapere come avviare effettivamente un sito Web ai fini del blogging? Se la tua strategia di contenuto mira solo a persone interessate a quest’ultimo, dovrai assicurarti dell’intento della parola chiave prima di iniziare a scrivere il tuo contenuto.

Per verificare quale sia l’intento di un utente in una parola chiave, è una buona idea inserire semplicemente questa parola chiave in un motore di ricerca e vedere quali tipi di risultati vengono visualizzati. Assicurati che il tipo di contenuto di Google sia strettamente correlato a ciò che intendi creare per la parola chiave.

Passaggio 4: trova i termini di ricerca correlati.

Questo è un passaggio creativo a cui potresti aver già pensato durante la ricerca di parole chiave. In caso contrario, è un ottimo modo per compilare quegli elenchi.

Se hai difficoltà a pensare a più parole chiave che le persone potrebbero cercare su un argomento specifico, dai un’occhiata ai termini di ricerca correlati che vengono visualizzati quando colleghi una parola chiave a Google. Quando digiti la tua frase e scorri fino alla fine dei risultati di Google, noterai alcuni suggerimenti per le ricerche relative al tuo input originale. Queste parole chiave possono suscitare idee per altre parole chiave che potresti voler prendere in considerazione.

ricerche correlate su google
Ricerche correlate su Google

Vuoi un bonus? Digita alcuni di questi termini di ricerca correlati e guarda i relativi termini di ricerca.

Passaggio 5: utilizza gli strumenti di ricerca delle parole chiave a tuo vantaggio.

La ricerca per parole chiave e gli strumenti SEO, possono aiutarti a trovare più idee basate su parole chiave a corrispondenza esatta e parole chiave basate sulle idee che hai generato fino a questo punto. Alcuni dei più popolari includono:

Come scegliere le parole giuste per il tuo sito web

Una volta che hai un’idea delle parole chiave per le quali vuoi classificarti, ora è il momento di perfezionare la tua lista in base a quelle migliori per la tua strategia. Ecco come:

Passaggio 1. Utilizza lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google.

Nello strumento di pianificazione delle parole chiave di Google puoi ottenere stime del volume di ricerca e del traffico per le parole chiave che stai prendendo in considerazione. Quindi, prendi le informazioni apprese da Keyword Planner e utilizza Google Trends per riempire alcuni spazi vuoti.

keyword planner di google
Google keyword planner: ricerca di keyword correlata alla key “posizionamento google”

Utilizza lo Strumento di pianificazione delle parole chiave per contrassegnare tutti i termini nel tuo elenco che hanno un volume di ricerca troppo basso (o troppo alto) e non ti aiutano a mantenere un mix sano come abbiamo detto sopra. Prima di eliminare qualsiasi cosa, controlla la cronologia delle tendenze e le proiezioni in Google Trends. Puoi vedere se, ad esempio, alcuni termini a basso volume potrebbero effettivamente essere qualcosa su cui dovresti investire ora e raccogliere i frutti dopo.

google trends, ricerca trend per posizionamento google
Google Trends

Google Trends può sicuramente aiutarti a determinare quali termini sono in tendenza al rialzo e quindi meritano maggiormente la tua attenzione.

Passaggio 2: dai la priorità parole chiave con cui hai buone possibilità grazie alla tua autorevolezza.

È importante che tu dia la priorità alle parole chiave per le quali hai la possibilità di classificarti in base all’autorità del tuo sito web.

Le grandi aziende, in genere, cercano parole chiave ad alto volume di ricerca e, poiché questi marchi sono già affermati, Google li premia con autorità su molti argomenti.

Puoi anche considerare parole chiave che hanno poca concorrenza. Le parole chiave che non hanno troppi articoli posizionati nella serp possono darti la possibilità di essere subito tra i primi nella ricerca di Google. Ovviamente ciò è valido fin che non vi è nessun altro (o quasi), a rivendicare quelle posizioni.

Passaggio 3: controlla il volume di ricerca mensile (VRM) per le parole chiave che hai scelto.

Vuoi scrivere contenuti su ciò che le persone vogliono realmente sapere? Bene, controllare il volume di ricerca mensile può aiutarti sicuramente a fare questo.

Il VRM è il numero di volte in cui una query di ricerca o una parola chiave viene immessa nei motori di ricerca ogni mese. Strumenti come searchvolume.io o Google Trends possono aiutarti a trovare gratuitamente le parole chiave più cercate su cluster di parole chiave correlati.

Ovviamente, come detto già in precedenza, puoi raggiungere risultati migliori sfruttando la potenza dei software per la seo.

Analisi della keyword "posizionamento google" sul tool SEOZoom
Analisi della keyword “posizionamento google” sul tool SEOZoom

Consiglio: Tieni presente che differenti tool possono offrire differenti volumi di ricerca, il mio consiglio è quello di effettuare questa analisi con più strumenti e successivamente fare una media. In questo modo saprai esattamente quali sono i volumi reali di una specifica parola chiave.

Passaggio 4: considera le funzionalità della SERP mentre scegli le parole chiave.

Esistono diversi frammenti di funzionalità SERP che Google evidenzierà se utilizzati correttamente. Un modo semplice per scoprirli è cercare le parole chiave di tua scelta e vedere come appare il primo risultato. Per una rapida panoramica, farò un breve riassunto di cosa sono questi “snippet in evidenza“.

Leggi anche: SERP: Cos’è e Perché è Importante per la SEO

Pacchetti di immagini

I pacchetti di immagini sono risultati di ricerca visualizzati come una riga orizzontale di immagini che appaiono in una posizione organica. Se c’è un pacchetto di immagini, dovresti scrivere un post ricco di immagini per conquistare il posizionamento in esso.

snippet in evidenza

Frammenti di paragrafo

Gli snippet in evidenza, o frammenti di paragrafo, sono brevi frammenti di testo che vengono visualizzati nella parte superiore dei risultati di ricerca di Google per risposte rapide alle query di ricerca comuni. Comprendere l’intento del ricercatore e fornire risposte chiare e concise può aiutare a guadagnare il posizionamento.

snippet in evidenza paragrafo. Posizionamento del sito

Elenchi puntati

I frammenti di elenco, o elenchi puntati, sono frammenti creati per i post che delineano i passaggi per fare qualcosa dall’inizio alla fine, spesso per le ricerche “Come fare per”. Pubblicare post con istruzioni e formattazione dirette e chiare può aiutare a guadagnare questo posizionamento.

snippet in evidenza elenco puntato: rendere visibile sito

Frammenti di video

I frammenti di video sono brevi video che Google visualizzerà nella parte superiore di una pagina di ricerca al posto dei frammenti di testo in primo piano. Pubblicare un video sia su YouTube che sul tuo sito web può aiutarti a vincere questo posizionamento. La cosa importante da fare è utilizzare i giusti tag per aiutare le persone a trova il contenuto che stanno cercando.

video snippet in evidenza

Passaggio 5: verifica la presenza di un mix di keywords principali e parole chiave a coda lunga in ogni bucket.

Le keyword principali sono frasi chiave generalmente più brevi e più generiche: in genere sono lunghe solo da una a tre parole, a seconda della persona con cui parli. Le parole chiave a coda lunga, invece, sono frasi chiave più lunghe che di solito contengono tre o più parole.

È importante verificare di avere un mix di keyword principali e keyword a coda lunga; ciò ti darà una strategia ben bilanciata con obiettivi a lungo termine e vittorie a breve termine. Questo perché le parole chiave principali vengono generalmente ricercate più frequentemente, il che le rende spesso (non sempre, ma spesso) molto più competitive e più difficili da classificare rispetto ai keywords a coda lunga. Pensaci: senza nemmeno cercare il volume di ricerca o la difficoltà, quale dei seguenti termini pensi sarebbe più difficile classificarsi?

  1. come scrivere un ottimo post sul blog
  2. blogging

Se hai risposto n. 2, hai perfettamente ragione. Ma non scoraggiarti. Mentre le key principali generalmente vantano il maggior volume di ricerca (il che significa un maggiore potenziale per inviarti traffico), francamente, il traffico che otterrai dal termine “come scrivere un ottimo post sul blog” è solitamente più desiderabile.

Come mai?

Perché qualcuno che sta cercando qualcosa di specifico è probabilmente un ricercatore molto più qualificato per il tuo prodotto o servizio (supponendo che tu sia nello spazio del blog) rispetto a qualcuno che cerca qualcosa di veramente generico. E poiché le parole chiave a coda lunga tendono ad essere più specifiche, di solito, è più facile arrivare dritto all’utente che cerca esattamente ciò che offri. Qualcuno che cerca il termine principale “blogging”, d’altra parte, potrebbe cercarlo per tutta una serie di motivi estranei alla tua attività.

Quindi, controlla i tuoi elenchi di parole chiave per assicurarti di avere un sano mix di key principali e parole chiave a coda lunga. 

Passaggio 6: guarda come si classificano i concorrenti per queste parole chiave.

Solo perché il tuo concorrente sta facendo qualcosa non significa che tu debba farlo. Lo stesso vale per le parole chiave. Solo perché una parola chiave è importante per il tuo concorrente, non significa che sia importante per te. Tuttavia, capire quali parole chiave stanno cercando di classificare i tuoi concorrenti è un ottimo modo per aiutarti a dare un’altra valutazione al tuo elenco di parole chiave.

Se il tuo concorrente si classifica anche per determinate parole chiave che sono nella tua lista, ha sicuramente senso lavorare per migliorare la tua di classifica. Tuttavia, non ignorare quelle che sembrano non interessare ai tuoi concorrenti. Queste potrebbero essere una grande opportunità anche per te di aumentare i tuoi volumi di traffico.

andamento keyword: come essere visibili su google

Ricorda, l’obiettivo è quello di ottenere un elenco di parole chiave che forniscano alcune vincite rapide ma ti aiutino anche a fare progressi verso obiettivi SEO più grandi e stimolanti.

Come fai a capire per quali parole chiave si classificano i tuoi concorrenti, chiedi? Oltre a cercare manualmente le parole chiave in un browser in incognito e vedere in quali posizioni si trovano i tuoi concorrenti, seozoom ti consente di eseguire una serie di report gratuiti che ti mostrano le migliori parole chiave per il dominio che inserisci . Questo è un modo rapido per avere un’idea dei tipi di keywords per i quali si classificano i tuoi concorrenti.

Quali sono le migliori parole chiave per la SEO

È importante comprendere che non ci sono parole chiave “migliori”, ma solo quelle che sono molto ricercate dal tuo pubblico. Con questo in mente, sta a te elaborare una strategia che ti aiuti a classificare le pagine e indirizzare il traffico.

Le migliori parole chiave per la tua strategia SEO terranno conto di pertinenza, autorità e volume. Vuoi trovare parole chiave altamente ricercate per le quali puoi ragionevolmente competere in base a:

  1. Il livello di concorrenza contro cui ti trovi.
  2. La tua capacità di produrre contenuti che superano in termini di qualità quelli attualmente in classifica.

Hai le parole chiave giuste per scrivere i contenuti del tuo sito web

Ora hai un elenco di parole chiave che ti aiuteranno a concentrarti sugli argomenti giusti per la tua attività e a farti ottenere alcuni guadagni a breve e lungo termine.

In qualità di consulente seo il mio consiglio è quello di rivalutare queste parole chiave ogni tot mesi: una volta al trimestre è un buon punto di riferimento, ma ad alcune aziende piace farlo anche più spesso. Man mano che acquisisci ancora più autorità nelle SERP, scoprirai che puoi aggiungere sempre più parole chiave ai tuoi elenchi al fine di affrontare nuove argomentazioni e aumentare il traffico organico sul tuo sito web.

Leggi anche: [GUIDA COMPLETA] Come essere in Prima Pagina su Google

corbisiero francesco esperto seo

Francesco Corbisiero

Sono un consulente SEO e di marketing digitale. Supporto aziende B2B, B2C e Startup nel generare più lead, vendite e aumentare i ricavi online. I miei 5 anni di esperienza nello sviluppo e nell’esecuzione di strategie di marketing digitale hanno aiutato attività di piccole e medie dimensioni a migliorare il loro traffico organico, l’ottimizzazione del tasso di conversione, generare più lead e migliorare il ROI sugli investimenti di marketing. 

Stai cercando di far crescere la tua attività con il marketing digitale?

Potrebbe interessarti anche...

Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.